Archivi categoria: Fauna

Cervo

Scortecciatura di giovane frassino lungo il Ru de Champlong - foto di Gian Mario Navillod.
Scortecciatura di giovane frassino a 1,4 m da terra lungo il Ru de Champlong – foto di Gian Mario Navillod.

Il cervo è arrivato in Valle d’Aosta dalla Svizzera. Verso il 1980 si è cominciato parlare di questo splendido animale che crea però qualche problema agli alberi: mentre il capriolo è molto più piccolo e solo eccezionalmente ne assaggia la corteccia, il cervo, come la capra d’altronde, non la disdegna. Le essenze preferite sono l’abete rosso, il frassino e il faggio(1)Vedi il documento della Regione Emilia Romagna: https://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/caccia/temi/attivita-venatoria/approfondimenti-attivita-venatoria/atc/corso-di-aggiornamento-presidenti-atc/lezione-17-zanin/ungulati-conoscerli-per-prevenire-i-danni. Le morsicature sono visibili fino ad altezza d’uomo, se la corteccia è poco aderente al tronco il cervo ne può staccare lembi anche ad un’altezza superiore.

L’airone cenerino di Antey

L'airone cenerino di Antey (Ardea cinerea) - Foto di Gian Mario Navillod.
L’airone cenerino di Antey (Ardea cinerea) – Foto di Gian Mario Navillod.

Stamattina l’airone cenerino di Antey si è fermato sotto le mie finestre per scaldarsi al primo sole. A mille metri di quota, ai piedi del Cervino, si comincia a sentire aria di primavera. È il momento di passeggiare lungo i ru della Valle d’Aosta o di godersi le ultime ciaspolate in alta quota. Sotto terra le talpe ricominciano a scavare,  la primavera si avvicina.

Post del 17.02.19 ultimo aggiornamento 12.01.20