Come arrivare all’Ostello di Lavesé

1) La strada più breve per Lavesé.

Radura e Ostello di Lavesé, il primo piano il disegnatore del Grande Labirinto di Lavesé - Foto di Gian Mario Navillod.
Radura e Ostello di Lavesé, il primo piano il disegnatore del Grande Labirinto di Lavesé – Foto di Gian Mario Navillod.

Una gentile signora mi ha chiesto se era in grado di arrivare all’Ostello di Lavesé a causa del suo ginocchio che ogni tanto le duole. Domanda difficile, impossibile rispondere.

Però posso consigliare l’itinerario meno faticoso e più sicuro, quello indicato per le persone poco allenate, con qualche dolorino, che però vogliono provare a calzare le ciaspole ed assaporare la calda accoglienza e l’ottima cucina di questo rifugio/ostello.

Si parte dalla Strada Regionale per Col di Saint-Pantaléon. Tra i villaggi di Semon e Chérésoulaz si lascia l’auto nel parcheggio costruito all’interno di un tornante, poco più avanti, circa 100 metri,  inizia la strada sterrata per Lavesé che in inverno è battuta dalla motoslitta che porta le provviste all’ostello.

Si calzano le ciaspole e dopo un chilometro e mezzo di facile passeggiata in mezzo al bosco si arriva all’ostello. Il dislivello è di soli 100 metri. Se non vi fermate a fare troppe fotografie dovreste metterci una mezzoretta, se volete riempirvi i polmone di aria buona e l’animo della bellezza del bosco prendetevi il vostro tempo, non c’è fretta, non è una gara.

E se proprio il ginocchio è bloccato e non ne vuole sapere di portarvi a Lavesé? Provate a chiedere aiuto al gestore: è molto cortese e troverà una soluzione.

2) La strada che consiglio per Lavesé.

Se siete in buona salute e non avete paura di perdervi nel bosco consiglio di raggiungere l’ostello da Plau attraverso la splendida abetaia che separa Lavesé dal fondovalle. Calcolate un’ora di tempo seguendo questo itinerario.

3) La strada più bella per raggiungere Lavesé.

Cappella di Saint Pantaléon (San Pantaleone) a Torgnon – Foto di Gian Mario Navillod.
Cappella di Saint Pantaléon (San Pantaleone) a Torgnon – Foto di Gian Mario Navillod.

Se non siete di corsa e potete dedicare l’intera giornata ad una bellissima escursione vi consiglio di raggiungere Lavesé dal Colle di Saint-Pantaléon passsando dal Belvedere di Saint-Evence. Calcolate un’ora e mezzo di tempo seguendo questo itinerario.

Buona passeggiata.