Il Ru de Jayer

Ru de Jayer a Saint-Marcel - Foto di Gian Mario Navillod.
Ru de Jayer a Saint-Marcel – Foto di Gian Mario Navillod.

Non tutti sanno che nascosto nei boschi di Saint-Marcel, a soli cinque chilometri dalla strada statale, scorre uno dei più bei ru della Valle d’Aosta, il Ru de Jayer.

L'éterpa, un attrezzo nato da uno strano incrocio tra un'accetta e una zappa inventato per la manutenzione dei ru - Foto di Gian Mario Navillod.
L’éterpa, un attrezzo nato da uno strano incrocio tra un’accetta e una zappa inventato per la manutenzione dei ru – Foto di Gian Mario Navillod.

Ancora in alveo naturale, senza sponde in cemento o tubi sotterranei, il ru si è conservato come lo hanno costruito i nostri avi, scavato con pala e picco e manutenuto con l’éterpa, un attrezzo nato da uno strano incrocio tra un’accetta e una zappa che serve a tagliare la zolla dove occorre e a posarla sull’argine del ru per rinforzarlo.

La passeggiata sul tratto più bello del Ru de Jayer dura quasi un’oretta a passo CAI, sono poco meno di tre chilometri di andata e  ritorno. Per godervi il profumo del bosco, osservare la vegetazione e ascoltare il chiacchiericcio dell’acqua usatene almeno due.

Lunghezza A/R: 2.6  km
Quota partenza: 700 m
Quota arrivo: 760 circa
Dislivello 60 m circa
In bici: meglio di no.
Click o tap qui per la mappa

Lasciate l’auto qui: https://osm.org/go/0CMg4zt88-?m= tornate indietro  a piedi e  poco prima del tornante  prendete il sentiero che scende sulla sinistra e prosegue lungo il ru fino alla presa sul torrente di Saint-Marcel.

Buona passeggiata.