Ru du Seigneur

Il Ru du Seigneur di Brissogne - Foto di Gian Mario Navillod.
Il Ru du Seigneur di Brissogne – Foto di Gian Mario Navillod.

La parte inferiore del Ru du Seigneur di Brissogne è una piacevole passeggiata di facile accesso che attraversa boschi e pascoli del fondovalle. Da non perdere in primavera la fioritura degli alberi da frutto.

Pascoli fioriti lungo il Ru du Seigneur di Brissogne - Foto di Gian Mario Navillod.
Pascoli fioriti lungo il Ru du Seigneur di Brissogne – Foto di Gian Mario Navillod.

Accesso

Dall’uscita autostradale di Aosta Est seguire le indicazione per Torino. A Quart lasciare la statale e seguendo le indicazioni per Brissogne attraversare il ponte, girare subito a destra sulla S.R. 35, e 500 m dopo il sottopasso dell’autostrada girare a sinistra. Proseguire per 700 m, girare ancora a destra e lasciare l’auto a bordo strada prima del cartello di divieto di transito.

Lunghezza itinerario:  1.7 km
Quota partenza: 615 m
Quota arrivo: 585 m
Dislivello: irrilevante
In bici: consigliato
Click o tap qui per la mappa

Il vallone delle Laures visto dal Ru du Seigneur di Brissogne - Foto di Gian Mario Navillod.
Il vallone delle Laures visto dal Ru du Seigneur di Brissogne – Foto di Gian Mario Navillod.

Descrizione

In primavera appena scesi dall’auto si scopre la straordinaria varietà di climi che offre la valle d’Aosta: mentre lungo il ru fioriscono i ciliegi volgendo lo sguardo verso monte si vede la parte superiore del vallone delle Laures completamente innevata. Ci si avvia lungo la sterrata e si attraversa il vallone del Ru Vaconniere su un grosso ponte in cemento armato che appare nettamente sovradimensionato rispetto all’importanza della strada.

Il Ru du Seigneur di Brissogne all'entrata nel bosco - Foto di Gian Mario Navillod.
Il Ru du Seigneur di Brissogne all’entrata nel bosco – Foto di Gian Mario Navillod.

Dopo un centinaio di metri si incontra il ru che scorre a cielo aperto tra due piccoli argini di cemento. Nel primo tratto il ru scorre a monte della strada, poi passa sotto e prosegue a valle, una scelta inusuale per la Valle d’Aosta dove il passaggio segue sempre l’argine a valle.

Il castello di Quart visto dal Ru du Seigneur di Brissogne - Foto di Gian Mario Navillod.
Il castello di Quart visto dal Ru du Seigneur di Brissogne – Foto di Gian Mario Navillod.

Tra i rami delle latifoglie si vede il grande complesso della Casa Circondariale di Brissogne, il carcere costruito nel 1980 in una zona isolata tra i pascoli, dall’altra parte della Dora si scorge in lontananza il Castello di Quart che custodisce tra le sue mura un elefante affrescato circa 700 anni fa. A monte del ru un targa ricorda Ernesto Menabreaz, un giovane di 22 anni ucciso dai fascisti  nel dicembre del 1944 al quale è stato intitolato uno dei più bei bivacchi della valle d’Aosta, nel vallone delle Laures.

Ricordo di Ernesto Menabreaz lungo il Ru du Seigneur di Brissogne - Foto di Gian Mario Navillod.
Ricordo di Ernesto Menabreaz lungo il Ru du Seigneur di Brissogne – Foto di Gian Mario Navillod.

In ru du Seigneur dopo un tratto intubato passa nuovamente a monte della sterrata, esce dal bosco e attraversa i prati ormai in vista del villaggio di Pallu-Dessus dove  possibile dissetarsi all’acqua fresca di un fontana.

Curiosità

Il Ru du Seigneur ha l’opera di presa a 875 m di quota sul Torrente Laures, scorre un cinquantina di metri ad est della chiesa parrocchiale poi precipita a balze nel bosco per riprendere un andamento tranquillo lungo la strada sterrata tra i villaggi di Blanchet e Pallu.

Torna alla pagina dei ru a cielo aperto

Torna alla pagina dei ru