Perché in Valle d’Aosta facevano il pane una volta l’anno?

Il forno comunitario di Suisse sotto la neve, sullo sfondo il Monte Tantané - Foto di Gian Mario Navillod.
Il forno comunitario di Suisse sotto la neve, sullo sfondo il Monte Tantané – Foto di Gian Mario Navillod.

In Valle d’Aosta facevano il pane una volta l’anno per risparmiare combustibile.

Ogni villaggio aveva il suo forno comunitario. “Per scaldare il forno la prima volta, bisognava far fuoco per 5-6 ore, usando lunghi spicchi di larice.(1)Alexis Bétemps, Saverio Favre, Lidia Philippot, Laura Saudin, Nathalie Silvani, Maddalena Vittaz, La Vallée d’Aoste au fil des jours, Priuli e Verlucca Editori, Ivrea 2006, ISBN 88-8068-309-8, pag. 702 A turno ogni famiglia che aveva diritto all’uso del forno si assumeva l’onere di  scaldare la prima volta il forno. “A Santa Barbara (4 dicembre), si faceva generalmente il pane e ogni famiglia cuoceva le infornate necessarie per soddisfare le esigenze di un anno intero, Il forno, come l’alambicco, doveva funzionare giorno e notte. … Per le festività di fine anno, si disponeva allora di pane fresco.(2)Alexis Bétemps, Saverio Favre, Lidia Philippot, Laura Saudin, Nathalie Silvani, Maddalena Vittaz, La Vallée d’Aoste au fil des jours, Priuli e Verlucca Editori, Ivrea 2006, ISBN 88-8068-309-8, pag. 650

Spighe nel rascard di Curien a Brusson - Foto di Gian Mario Navillod.
Spighe nel rascard di Curien a Brusson – Foto di Gian Mario Navillod.

L’idea di un’organizzazione sociale così attenta alla sostenibilità ambientale da cuocere il pane tutti insieme, una volta l’anno, per risparmiare combustibile è così suggestiva che l’ho ripetuta per anni, ai miei figli, ai miei amici, agli ospiti che porto a passeggio raccontando loro qualche simpatico episodio di storia patria.

Fino a quando il Signor Mark M., cittadino statunitense in visita a Chamois, dopo aver educatamente ascoltato la mia spiegazione davanti al forno di Suisse, ha guardato i boschi di larici che circondano il villaggio. Ed è bastato quello sguardo, un bellissimo esempio di comunicazione non verbale, per far crollare la mie certezze sul perché in Valle d’Aosta si cuoceva il pane di segale un volta l’anno.

Spiga di segale a Lavesé di Saint-Denis, agosto 2008 - Foto di Gian Mario Navillod.
Spiga di segale a Lavesé di Saint-Denis, agosto 2008 – Foto di Gian Mario Navillod.

Ne ho parlato con chi ha studiato le tradizioni e l’architettura valdostana: Alexis Bétemps, Claudine Remacle, Teresa Santomarco. Non sono ancora arrivato ad una risposta definitiva.

Però alcune possibili  alternative sono venute alla luce.

  • Nel ciclico alternarsi dei lavori nella civiltà contadina il momento più opportuno per procedere alla panificazione poteva essere quello in cui il gelo impediva di lavorare la terra ma non era così intenso da ridurre la portata delle acque. Se l’acqua corrente si trasforma in ghiaccio nei mulini non si possono macinare i cereali. E se tutto il villaggio cuoce il pane più o meno nello stesso periodo è probabile che si sviluppino forme di cooperazione che diventano poi forme tradizionali delle quali con il passare del tempo si perde il senso originale.
  • Sembra che un docente universitario abbia sostenuto, immagino con un pizzico di ironia, che i valdostani sono molto bravi a creare miti. Ho il ricordo personale di una signora valdostana nata nella prima metà del XX secolo che sosteneva che i valdostani emigrati a Parigi diventavano sovente autisti di tassì perché erano molto intelligenti, così intelligenti da mandare a memoria il reticolo stradale della capitale francese prima degli altri. Temo invece che tanti emigrati valdostani cominciassero la loro carriera  pulendo i pavimenti e lavando i tassì (facevano i frotteur de parquet e i laveur de taxi) e poi con un po’ di fortuna riuscissero a far carriera. Diventando anche autisti di tassì.
  • È possibile che in origine quelli che ora sono forni comunitari o di villaggio fossero forni bannali. Nel mediovo gli abitanti della signoria potevano essere obbligati a usare esclusivamente il forno o il mulino del signore in cambio di una tassa che veniva impiegata in parte per la loro manutenzione. Proprio come avveniva con gli alambicchi: non era possibile distillare le vinacce  della propria vigna se non pagando una tassa apposita e l’unità minima della tassa era la giornata.(3)Luigi Odello, Come fare la grappa, Giunti Editore, 2002, ISBN 88-440-2589-2, pag. 7 Se l’unità minima di pagamento fosse stata anche per il forno la giornata  sarebbe evidente il vantaggio di collaborare tra vicini affinché le infornate si succedessero nelle 24 ore. Magari sostenendo, per non urtare il signore proprietario del forno, che lo si faceva per economizzare il combustibile.

È possibile che una tradizione che potrebbe essere nata per evadere le tasse medievali sia sopravvissuta così a lungo? Potrebbe essere una delle tante curiosità della Valle d’Aosta.

Curiosità.

  • Nel nord della Danimarca c’è ha un clima simile a quello dalla media montagna della Valle d’Aosta. Quando ho raccontato che il pane di segale nella mia regione si cuoceva una volta l’anno gli abitanti mi hanno guardato increduli. Anche loro cuociono il pane di segale ma il fatto che si possa fare il pane  una volta l’anno e mangiarlo raffermo per gli undici mesi successivi pareva loro più una battuta di spirito che una tradizione alpina.
  • Nuto Revelli nel suo libro il mondo dei vinti riporta la testimonianza di Andrea Marino, classe 1885 di Vinadio (CN): “Mi sono allevato non c’era nemmeno pane per uno [sic], mio padre ci ha allevati nove, … pane poco, non ce n’era. Il pane d’estate lo facevamo ogni mese, e a settembre-ottobre facevamo le cialende, sei sette fornate, a maggio mangiavamo ancora quel pane duro, lo tagliavamo cul taiet, pan ‘d sel, parluma pà ‘d pan ‘d gran(4)Con l’attrezzo tagliapane, pane di segale, non parliamo di pane di grano – Nuto Revelli, Il mondo dei vinti, Giulio Einaudi Editore, Torino 1977, ISBN 88-06-47621-1, pag. 44
  • Nella famiglia di Don Pietro Garnero, classe 1885, di Sampeire (CN) si cuoceva il pane una volta l’anno: “Il mio pane, ‘l pan ‘d sel, ‘l pan dür, lo conservavamo sul solaio. ‘L müfí bianc(5)L’ammuffito bianco si mangiava ancora, ‘l müfí giaun(6)L’ammuffito giallo era immangiabile. Mia madre per farci mangiare il ‘l müfí giaun ci diceva: “Mangiatelo che vi fa venire alti”. Io ne ho mangiato tanto ‘d müfí giaun, e infatti sono alto di statura. Il pane lo tagliavamo al grat, al taiet. Per rammollirlo un po’ lo appendevamo sopra il paiolo delle patate che bollivano(7)Nuto Revelli, Il mondo dei vinti, Giulio Einaudi Editore, Torino 1977, ISBN 88-06-47621-1, pag. 94
  • Il rapporto dei valdostani con il pane di segale.

Note   [ + ]