Archivi categoria: Curiosità della Valle d’Aosta

Il notaio Chanoux e le case rurali della Valle d’Aosta

2006 fabbricato ligneo in fraz. Navillod del comune di Antey - Foto di Gian Mario Navillod.
2006 fabbricato ligneo in fraz. Navillod del comune di Antey – Foto di Gian Mario Navillod.

In un articolo del 1944 il notaio Emilio Chanoux affrontava il problema, già sentito allora, dell’eccessiva frammentazione della proprietà nelle case rurali. Ritenendo che non fosse sano, né per il corpo né per lo spirito, che più famiglie vivessero in promiscuità sotto lo stesso tetto indicava tre obiettivi da raggiungere: 1) un sistema di credito che permettesse ad ogni nuova famiglia di avere una propria casa; 2) un piano regolatore per ogni villaggio per “impedire brutture architettoniche” e costruzioni contrarie all’igiene e all’economia; 3) “Le vecchie case devono potersi espropriare, se non più abitabili, in modo da essere ringiovanite”. Continua la lettura di Il notaio Chanoux e le case rurali della Valle d’Aosta

I consigli di Félicité Carrel: la prima ragazza sul Cervino

Il Monte Cervino visto dal centro del piccolo labirinto del Filey – Foto di Gian Mario Navillod.
Il Monte Cervino visto dal centro del piccolo labirinto del Filey – Foto di Gian Mario Navillod.

Il 12 settembre 1867 una spedizione di sei persone partiva dal Giomein alla volta del Cervino. Ne facevano parte Félicité Carrel, allora diciottenne e suo padre Jean-Jacques, cacciatore di camosci. L’indomani arrivarono senza incontrare grandi difficoltà ai piedi dell’ultimo mammellone, circa 100 metri sotto la vetta dove si trova una specie di colle battezzato dal Sig. Leighton Jordan Col Félicité. Continua la lettura di I consigli di Félicité Carrel: la prima ragazza sul Cervino

Le calzature adatte per il pellegrinaggio Fontainemore-Oropa

Testimonianza di Oreste Pizzini, nato nel 1942, bâtonnier: “Ricordo che nell’ultima processione una donna ha camminato sempre con i sabot (calzature di legno) che sapeva portare e non ha incontrato difficoltà” (pag. 89)

Testimonianza di Ivana Angelin Duclos, nata nel 1951 “La nonna di mio marito, Divina Clapasson nata nel 1887, era andata in Processione a piedi nudi.” (pag. 96) Continua la lettura di Le calzature adatte per il pellegrinaggio Fontainemore-Oropa

Corso da Guida Ambientale Escursionistica

Il corso da guida ambientale escursionistica organizzato a Borgo Val di Taro: riflessioni sull’impatto europeo dell’intervento.

L’esempio di Borgo Val di Taro rappresenta un approccio sostenibile al problema dell’abbandono della montagna e, soprattutto, è replicabile a livello europeo?

Affrontare in modo sinergico il problema dell’abbandono della montagna può diventare una buona pratica a livello europeo?

Continua la lettura di Corso da Guida Ambientale Escursionistica

Segnavia bianco rosso in Valle d’Aosta

Questo segni in Valle d’Aosta sono delimitazioni di particelle catastali. Non sono dei segnavia – Foto di Gian Mario Navillod.
Questo segni in Valle d’Aosta sono delimitazioni di particelle catastali. Non sono dei segnavia – Foto di Gian Mario Navillod.
Due linee parallele di colore rosso e bianco in Valle d’Aosta delimitano le particelle forestali pubbliche (linea rossa) da quelle private (linea bianca).

Non vanno mappate come segnavia anche se lo stesso segno bianco rosso nel resto del territorio nazionale è utilizzato per indicare un percorso escursionistico.

Diversi escursionisti vengono tratti in inganno da questi segni: spesso si trovano inizialmente su mulattiere o sentieri ben tracciati e poi piegano all’interno di boschi dirigendosi verso pareti scoscese o tratti esposti e pericolosi. Continua la lettura di Segnavia bianco rosso in Valle d’Aosta