Archivi categoria: Le gite

Il Col Champlong da Chamois

Col Champlong tra Chamois e La Magdeleine e Monte Tantané - Foto di Gian Mario Navillod.
Col Champlong tra Chamois e La Magdeleine e Monte Tantané – Foto di Gian Mario Navillod.

Partenza: 1815 m
Arrivo: 2390 m
Dislivello in salita: 550 m circa
Dislivello in discesa: 550 m circa

Parcheggio della funivia Buisson Chamois in bassa stagione - Foto di Gian Mario Navillod.
Parcheggio della funivia Buisson Chamois in bassa stagione – Foto di Gian Mario Navillod.

Andata: 1h30
Ritorno: 1h30
Totale: 3h00

Difficoltà: E
Segnavia: assente

Ciaspolata verso il Colle Champlong di Chamois - Foto di Gian Mario Navillod.
Ciaspolata verso il Colle Champlong di Chamois – Foto di Gian Mario Navillod.

Tratti ripidi: sì
Tratti esposti: no
Ombra: sì

pericolo caduta massi: no

La vecchia stalla seminterrata di Foresus a Chamois - Foto di Gian Mario Navillod.
La vecchia stalla seminterrata di Foresus a Chamois – Foto di Gian Mario Navillod.

Da vedere: il mulino di Chamois, il Cervino/Matterhorn, il Col Pilaz.

Affitto ciaspole presso il Noleggio sci Ducly Osvaldo.

Il Col Champlong di Chamois sotto la neve - Foto di Gian Mario Navillod.
Il Col Champlong di Chamois sotto la neve – Foto di Gian Mario Navillod.

Itinerari collegati: il Tour di Mande, l’Ostello di Lavesé con le ciaspole, Il Rifugio Bonatti con le racchette da neve.

Come arrivare: Click qui – Per vedere le mappe: Click qui – Per le tracce GPS (.gpx): Click quiPASSEGGIATE ACCOMPAGNATE A PARTIRE DA 12 EURO.

Salendo al belvedere del Col Champlong di Chamois - Foto di Gian Mario Navillod.
Salendo al belvedere del Col Champlong di Chamois – Foto di Gian Mario Navillod.

Il Gran Tour del Col Champlong con le ciaspole si percorre su di una pista gratuita per le ciaspole o racchette da neve lunga circa 12 km battuta dai mezzi meccanici tra i comuni di Chamois e La Magdeleine.

Alpe Champlong a La Magdeleine - Foto di Gian Mario Navillod.
Alpe Champlong a La Magdeleine – Foto di Gian Mario Navillod.

La parte bassa dell’itinerario che è esposta a nord resta innevata fino a primavera inoltrata. Nella parte alta grazie al clima più freddo una soffice coltre bianca ricopre ancora i pascoli alpini quando all’arrivo delle funivia ci si può già dedicare alla raccolta tradizionale del tarassaco.

Il Monte Cervino salendo all'Alpe Champlong di La Magdeleine - Foto di Gian Mario Navillod.
Il Monte Cervino salendo all’Alpe Champlong di La Magdeleine – Foto di Gian Mario Navillod.

Si cammina su una pista larga un paio di metri che segue il tracciato della strada sterrata di servizio agli alpeggi. Non è facile perdersi ma in caso di maltempo può essere utile aver installato sul proprio telefonino l’applicazione gratuita OsmAnd che funziona anche quando in montagna manca la connessione dati.

Il lago Charey nel mese di aprile - Foto di Gian Mario Navillod.
Il lago Charey nel mese di aprile – Foto di Gian Mario Navillod.
Disgelo al Col Pilaz di La Magdeleine - aprile 2016 - Foto di Gian Mario Navillod.
Disgelo al Col Pilaz di La Magdeleine – aprile 2016 – Foto di Gian Mario Navillod.

Attenzione: in caso di pericolo di valanghe la pista non viene battuta e non deve essere percorsa.

Cappella della Trinità a Chamois - Foto di Gian Mario Navillod.
Cappella della Trinità a Chamois – Foto di Gian Mario Navillod.

Post del 14.04.16 ultimo aggiornamento 11.01.20

Il Tour di Mande di Valtournenche

Belvedere sul Cervino/Matterhorn dal Tour di Mande di Valtournenche - Foto di Gian Mario Navillod.
Belvedere sul Cervino/Matterhorn dal Tour di Mande di Valtournenche – Foto di Gian Mario Navillod.

Partenza: 2280 m
Arrivo: 2390 m
Dislivello in salita: 350 m circa
Dislivello in discesa: 350 m circa

Andata: 1h15
Ritorno: 1h00
Totale: 2h15

Difficoltà: E
Segnavia: Tour di Mande

Tratti ripidi: sì
Tratti esposti: no
Ombra: no

pericolo caduta massi: no

Da vedere: le Grandes Murailles, il Cervino/Matterhorn, l’Ecomuseo del Vertice.

Affitto ciaspole a partire da 6 euro presso il Willy Bar di La Salette.

Continua la lettura di Il Tour di Mande di Valtournenche

Il lago del Miage

Il lago del Miage nell'estate 2006 - Foto di Gian Mario Navillod.
Il lago del Miage nell’estate 2006 – Foto di Gian Mario Navillod.

Partenza: 1723 m
Arrivo: 2016 m
Quota massima: 2030 m circa
Dislivello in salita: 300 m circa

Andata: 1h20
Ritorno: 1h00
Totale: 2h20

Difficoltà: E
Segnavia: 18A.

Tratti difficili: no
Tratti esposti: sì
Ombra: parziale

pericolo caduta massi: sì

Da vedere: la morena del ghiacciaio del Miage, i colori della Dora di Veny, le Pyramides Calcaires, il ghiacciaio del Miage Continua la lettura di Il lago del Miage

Il Rifugio Mezzalama

Rifugio Mezzalama nell'ottobre 2014 - Foto di Gian Mario Navillod.
Rifugio Mezzalama nell’ottobre 2014 – Foto di Gian Mario Navillod.

Partenza: 1686 m
Arrivo: 3009 m
Dislivello in salita: 1300 m circa

Andata: 4h00
Ritorno: 2h30
Totale: 6h30

Difficoltà: E
Segnavia: 7, 7A, 8.

Tratti difficili: no
Tratti esposti: sì
Ombra: parziale

pericolo caduta massi: sì

Da vedere: il Pian di Verra, la morena del Grande Ghiacciaio di Verra, i seracchi, il Rifugio Mezzalama. Continua la lettura di Il Rifugio Mezzalama

Il sentiero dimenticato alla Motta di Plété

La casetta sulla Motta di Plété Occidentale - Foto di Gian Mario Navillod.
La casetta sulla Motta di Plété Occidentale – Foto di Gian Mario Navillod.

Partenza: 2090 m
Arrivo: 2840 m
Dislivello in salita: 800 m circa
Dislivello in discesa: 60 m circa

Andata: 2h30
Ritorno: 1h50
Totale: 4h20

Difficoltà: EE
Segnavia: 17 – assente

Tratti difficili: sì
Tratti esposti: sì
Ombra: no

pericolo caduta massi: sì

Da vedere: il Tracciolino, il Bec Pio Merlo, i pascoli nascosti sotto la Motta, la casetta sulla Motta di Plété. Continua la lettura di Il sentiero dimenticato alla Motta di Plété