I ru della Valle d’Aosta

In Valle d’Aosta generalmente i sentieri salgono e scendono ripidi. Siamo nel cuore delle Alpi, circondati dalla montagne più alte dell’Unione Europea. Fanno eccezione sentieri che seguono i ru, i piccoli canali irrigui che portano le acque dei ghiacciai alle terre coltivabili. A partire della seconda metà del XX secolo la maggior parte dei ru sono stati intubati, ne rimangono pochissimi in alveo naturale. In attesa di una rinaturalizzazione a fini turisti dei ru più belli e possibile percorrere in bici le piste di servizio che sono panoramiche e lontane dal traffico automobilistico.

Legenda
Blu: ru a cielo aperto
Verde: un po’ a cielo aperto e un po’ intubato
Giallo: ru intubato
Rosso: Ru abbandonato

Nome e comune di partenza Tempo di sola andata a piedi In bici
Ru de Charnicloz da Fénis
0h10′ In bici sconsigliato
Ru du Bourg di Châtillon da Châtillon
0h20′ In bici consigliato
Grand Ru di Introd da Introd
0h30′ In bici consigliato
Ru Montagner da Quart
0h40′ In bici consigliato
Il Ru Crépellaz abbandonato da Nus
0h50′ In bici sconsigliato
Ru des Barmes da Saint-Rhémy-en-Bosses
0h55′ In bici consigliato a tratti
Ru dell’Alpe Truc da Lillianes
1h00′ In bici consigliato a tratti
Il Ru Crépellaz da Quart 1h15′ In bici consigliato
Il Ru di Cleva Bella da Chamois 1h15′ In bici sconsigliato
Il Ru Deval da Nus 1h15′ In bici consigliato a tratti
Ciclabile Perrères Promoron da Valtournenche 1h20′ In bici consigliata
Il ru de Vens da Saint-Nicolas 1h20′ In bici consigliato a tratti
Il Ru de Marseiller da Antey-Saint-André 3h00′ In bici sconsigliato